Corpo estraneo

Se febbraio è stato il mese delle sorprese, marzo si è rivelato il mese dei corpi estranei.

In Parlamento, dove una falange eterogenea, ma compatta nel disordine e nella cieca determinazione a rivoluzionare il rivoluzionabile, si incista su un corpo fiacco, impigrito da anni di battaglie salottiere dall’esito più o meno predeterminato.

Nel lavoro, dove sparuti gruppi di professionisti tentano, con esito deludente, di curare organismi affetti da avidità cronica e visione limitata con infiltrazione di cellule di buonsenso, equità e lungimiranza.

Nelle amicizie, dove tra un dolore, un rimpianto, un rancore e una risata si cerca di riattaccare un arto amputato brutalmente da una manovra spericolata; il fiato sospeso per il concreto rischio di rigetto.

Perfino dentro di me, approfittando di un terreno momentaneamente fertile, si è parcheggiato un miscuglio di nuove prospettive, diverse aspettative, imprevisti e probabilità che credo finiranno per trasformarsi in qualcosa di molto concreto.

Corpi e addizionali dei corpi, appendici, escrescenze, naturali o meno, comunque estraneità da integrare in qualche modo.
Un esercizio di tolleranza e di pazienza, l’ennesimo grande sforzo verso la consapevolezza che diverso, normale, vecchio, nuovo, sono soltanto alcune delle infinite sfumature della realtà.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...