Siate seri se potete

Avevo in lavorazione un articolato post sul tema del planning strategico e su quanto questa capacità sia sottovalutata nel mercato del lavoro.
In questo momento della mia vita in cui mi appresto ad affrontare la nascita di un figlio, generatore di “disordine” per antonomasia, mi sembrava utile aprire una discussione su quanto in Italia l’idea di pianificare, organizzare, stabilire delle linee guida e un coordinamento sia vissuta come una specie di tortura anziché come una risorsa fondamentale che consente al talento e alla creatività di esprimersi al meglio. Una riflessione un po’ sofisticata forse visto il paese e il contesto in cui sto vivendo.
E infatti, mentre ancora lavoravo al post, accadono uno dietro l’altro i seguenti fatti:

  • Letta va all’Assemblea dell’ONU a New York e dice che l’Italia è un Paese “giovane e affidabile”;
  • Telecom Italia fa una fusione con la spagnola Telefonica e il presidente Bernabé in audizione al senato dichiara candidamente di averlo appreso dai comunicati stampa;
  • metà del Parlamento Italiano definisce eversiva la manovra dell’altra metà (con cui peraltro governa insieme) perché sta valutando di far applicare una legge;
  • Guido Barilla, presidente di una delle più importanti e conosciute aziende italiane nel mondo partecipa a La Zanzara, trasmissione radiofonica di dubbio spessore, e sproloquia contro i gay e le donne esalatando valori tradizionali molto di moda nel 1936 (qui, giusto per capire la portata delle uscite http://www.ilpost.it/2013/09/26/barilla-donne-omosessuali-gay/).

Ora senza voler entrare nel dettaglio delle singole questioni (ne potrete leggere ovunque in abbondanza) io voglio dire solo questo: quand’è che decideremo di cominciare ad essere seri?
L’Italia è il paese dei fantasisti, di quelli che pensano che le nostre alzate d’ingegno, le nostre incoerenze politiche, sociali e comunicative siano solo quisquilie e si possano risolvere offrendo una fetta di pizza al malcapitato di turno o liquidare con un sempreverde “sono stato frainteso”. Qui, serietà è sinonimo di tristezza, di grigiore, di mancanza di senso dell’umorismo. Ci rendiamo conto?

Ci sono troppe persone che hanno potere, influenza e possibilità di incidere sul futuro nostro e dei nostri figli che non ritengono di doversi prendere responsabilità, mantenere un contegno, dare un esempio, smetterla di dire solamente sì, no o cazzate epocali in base ai propri personali affari ed interessi.

Siamo ancora qui a discutere SE un certo tipo di pubblicità è sessista, SE i diritti civili e le pari opportunità sono prioritari, SE le opinioni e gli atti omofobi e razzisti sono leciti a seconda di chi li esprime e li compie, SE un condannato in terzo grado debba dimettersi o meno dal Parlamento, SE il femminicidio è un problema di educazione, SE è necessario e proficuo investire su cultura e istruzione, SE tassare il patrimonio è più equo che tassare i consumi, eccetera eccetera.

Siamo seri e smettiamola di dibattere di questioni che ogni cittadino sano di mente che abbia davvero desiderio di vivere in una società civile e democratica da’ per acquisite.

Abbiamo troppe cose da sistemare (conti pubblici, disoccupazione, criminalità, distruzione del patrimonio ambientale e artistico, riprogrammazione industriale, questioni internazionali) per stare ancora a discutere di argomenti che sono già sanciti per legge o chiaramente indicati dalla pratica, dall’esperienza, dalla statistica e dal buonsenso.

Quindi vi prego, voi che capite, voi che potete, qualunque cosa facciate, fatela con serietà e cercate di spiegare a chi vi sta intorno che non è un male ma, probabilmente, la nostra unica, ultima, àncora di salvezza.

Annunci

La cattiva madre

Bene, ormai alla 31esima settimana, con il globo terracqueo più o meno avvisato della mia gravidanza e a due mesi dall’ultimo post, direi che è giunto il momento di scrivere qualcosa su questa esperienza.

Partiamo subito con il piede giusto: dicono che in questa fase dovresti essere ripiena del cosiddetto ormone della felicità, ovvero una sostanza chimica che ti aiuterà a sopportare il disagio della panzona e il dolore del parto.
Sarà, ma io mi sento più pervasa dall’ormone dell’amarezza imperitura, della visione apocalittica e del giramento di coglioni perpetuo.

Fatta questa doverosa premessa, alla rinfusa e senza un vero criterio, voglio condividere i pensieri che una donna indipendente, con forte personalità, spiccate doti comunicative e un lato oscuro molto, molto radicato e persistente (anche se tenuto celato e a bada grazie ad anni di allenamento estenuante), può fare in merito al concetto “generare, crescere e educare un altro essere umano”.

E’ metà febbraio, il test si accende come un semaforo a led. Sì, sono piuttosto incinta.
E’ una cosa bella, desiderata, amo il padre che, dettaglio non scontato, è anche il mio compagno quindi tutto regolare. Salvo forse il fatto che dovrei avere delle reazioni tipo “ommioddio” e invece resto calma. Ma probabilmente a 37 anni e mezzo se non sai come hai fatto a rimanere incinta e ti stupisci devi farti qualche domanda.

Nei due mesi successivi si susseguono gli annunci: parenti, amiche e amici (o meglio, la famiglia allargata), l’ufficio. Si suseguono anche una serie di analisi di routine e per la prima volta vediamo il prodotto dei nostri lombi: è inequivocabilmente un gamberetto. Vabbè ma da un cuoco e una buona forchetta che t’aspetti? E’ normale.
Dal terzo mese in poi, se tutto è andato come deve (leggi “sei ancora incinta”) cominciano le vere complicazioni. E, paradossalmente, non hanno niente a che vedere con le naturali modifiche del vostro corpo, con l’azione degli ormoni e con il pensiero di diventare madre.

Ecco la prima: il gamberetto è in realtà un’aragostina.
Sana, con tutte le dita e gli arti al posto giusto ma, inequivocabilmente, femmina.
Giubilo interplanetario, padre al settimo cielo, tutti felici e io anche ma con una ruga interiore che piano piano si intensifica.
Femmina.
Mmmmmmmmmmm.
Crescerà in fretta. Sarà più svelta, intelligente, precoce (leggi: scassacazzi).
La domenica pomeriggio forse non potrò sbarazzarmene grazie un pallone spedendola al parco con il padre per mettermi lo smalto sulle unghie dei piedi.
E a proposito del padre, lo amerà incondizionatamente sin dai primi mesi mentre io dovrò conquistarmi ogni singolo cuoricino sul bigliettino d’auguri di Natale.
E più crescerà e più difficile sarà.
Femmina.
Una sfida affascinante ma, cribbio, vuoi mettere come sarebbe stato più facile intortarsi un mini uomo di neanderthal??

Passati i primi momenti di sgomento me ne faccio una ragione consolandomi con l’idea che perlomeno mi divertirò di più con lo shopping per l’abbigliamento (pensieri profondi, lo so). Errore: comincia la drammatica battaglia contro il “colore di genere”, il rosa imperante che imponiamo alle nostre figlie fin dalla nascita come se fosse un marchio di fabbrica.
“Signora è maschietto o femminuccia?”
“Femmina ma voglio qualcosa di verde/giallo/blu/arancione/indaco/tortora.”
“Ah, capisco.”
Sgomento, raccapriccio e secondo segnale inequivocabile di cattiva madre.
(Il primo è quando rispondi che no, non hai ancora scelto il nome e la cameretta della bambina è attualmente un deposito di mobili usati).
Per fortuna ti vengono incontro le culture europee meno attaccate agli stereotipi della nostra: spagnoli e francesi concepiscono l’utilizzo dei colori in modo equivalente per maschi e femmine e quindi, forse, troveremo soddisfazione anche se ci spiace un po’ che il nero per i bambini tenda ad essere poco usato…mah…
(per dovere di cronaca riferisco: di per se’ non ho niente contro il rosa è il principio, as usual, che non mi va giù).

Al settimo mese, provata dal caldo, dalla ritenzione idrica, dal peso in eccesso, dalla fatica improba per mantenere un minimo di attività cerebrale cosciente, cattiva madre si impossessa definitivamente di me e si manifesta con furia distruttrice e incontrollata:
no non credo che prenderò lo sterilizzatore, userò il microonde o la pentola per bollire SE sarà necessario;
no nemmeno la bilancia, mi regolo ad occhio, uso quella della cucina, la porto in farmacia, la pesa il pediatra;
possibile che non esista una “camicia da notte per allattamento” che non mi faccia sembrare un’Amish? io dormo con la maglietta dei Ramones e le mutande di solito, capisce?;
il deumidche?
sì, ho comprato 2 copertine di lana usate al mercato e le ho pagate in tutto 4 euro;
sì sto andando ad un concerto;
sì fumo una sigaretta quando ne ho voglia;
sì bevo anche una birra o un bicchiere di vino se mi va;
sì, penso di mandarla all’asilo presto,sì penso che allattare troppo a lungo sia sbagliato;
no, in realtà non ho la più pallida idea di come sarà e ogni tanto penso che se mi verrà troppo difficile essere madre potrò sempre scappare in sudamerica e lasciare da solo il povero padre. Fa pure fico no? di solito succede il contrario!

avrete tutta la vita per criticare cos’è tutto st’impego d’energie in anticipo? date tempo al tempo, fatemi partorire e diventare la cattiva madre che mi preparo ad essere da una vita e poi, finalmente, ci potremo scontrare su tutti i dettagli raccapriccianti che oggi mi trifolano i coglioni.

In testa, al momento, ho solo una linea guida: se io sarò felice, mia figlia sarà felice.
Tutto il resto è un soffocante stereotipo.

O si vive o si scrive

Vabbè, ora senza esagerare però più o meno è così.
Un mese di silenzio e intanto
governo di larghe intese,
processi,
economia a chiocciola,
femminicidio,
amministrative.

E sono incinta di cinque mesi ormai.
Faccio mente locale e vi scrivo il post definitivo che raggruppa tutte queste cose. O magari solo due o tre.

Ci vorrebbe un Pertini

Ma dove diavolo lo troviamo nel 2013?
Uno che ha fatto la guerra dalla parte giusta,
che è stato in carcere per le sue opinioni,
che è stato operaio e disoccupato,
uno integro, che poteva guardare negli occhi tutti gli italiani, dal primo all’ultimo,
senza vergogna e sapeva farlo senza supponenza.
Un settennato difficilissimo il suo, costellato da attentati agghiaccianti e tragedie naturali, che affrontò con decisione e con empatia, restando per sempre nel cuore degli italiani come IL Presidente (per carità, anche grazie ai Mondiali dell’82).

Anche questi sono anni difficili che richiederebbero una figura capace di unire, di toccare il cuore della maggioranza del “popolo”, qualcuno che ispiri fiducia e faccia ritrovare un po’ di rispetto nelle istituzioni.

E farebbe ridere (se non fosse tragico) l’esito delle Quirinarie del Movimento 5 Stelle (sull’argomento, la penso esattamente come Francesco Lanza spiega in questo post) mentre fa assolutamente piangere l’ipotesi di un Amato che sembra tutt’altro che campata in aria. Un uomo vecchio, antipatico, con una storia istituzionale sicuramente di rilievo ma, oggettivamente, piena di lati bui.

Per questo facevo tanto il tifo per la Bonino che mi sembrava figura di vero cambiamento: donna, conosciuta ed apprezzata a livello internazionale, intelligente, preparata e paladina di quelle lotte civili (aborto, divorzio, eutanasia, ecc.) che sono state forse il cambiamento più significativo nella nostra società dal dopoguerra.
A quanto pare però non è il suo momento, troppo legata ad un’idea di vecchia politica (mah…) o forse troppo invisa ai tanti uomini vaticanocentrici che amano predicare bene e razzolare malissimo (ipotesi ben più probabile).

E allora chi?
Prodi non lo vuole Silvio (e purtroppo…),
Marini per carità,
la Finocchiaro brava ma decisamente poco empatica (e con qualche guaio di troppo in famiglia),
D’Alema improponibile,
Zagrebelsky sarebbe perfetto ma c’ha il cognome difficile,
quelli di destra manco li nomino e tantomeno i fanta presidenti tipo Gino Strada.
In queste condizioni non resta che confidare in Stefano Rodotà che sì ha 80 anni (Pertini ne aveva 82 alla sua nomina…) ma certamente è una figura sulla quale c’è poco da discutere dal punto di vista del profilo.

Non ci resta che attendere e sperare che alla fine vinca davvero il migliore e non soltanto il frutto di una scellerata trattativa: in questo momento storico sarebbe davvero un errore imperdonabile.

Presto è nemico del bene: non è stallo o inciucio, è politica

Tutta questa fretta ora di fare un governo o andare al voto,
tutta questa urgenza, ma perché mai?
Lo spread non morde, i mercati nemmeno e la crisi economica è la stessa di un mese fa.
Gli affari correnti proseguono comunque con il Governo in carica quindi il problema è sulle riforme, sulle cose nuove da proporre e fare.

Quindi perché vanno tutti di corsa? non sarà mica che con la scusa di sbrigarsi si rifanno le cose esattamente come prima e quindi, poi, non cambia nulla?
Lo stallo politico dite? ma siamo sicuri sicuri che proprio di stallo si tratti?
Secondo me c’è molto di più.

Proviamo a ricapitolare e ragionare.

Renzi dice fate presto e io mi irrito non perché non abbia banalmente ragione, ma per i modi e i tempi in cui sceglie di fare questa uscita. Poi mi fermo a pensare e mi ricordo che nulla accade per caso in politica e forse il buon Matteo…ma ci torniamo dopo.

Bersani, detto anche “er poro Pierluigi” è quello che s’è preso il carico maggiore: merda a destra, merda a sinistra, merda al centro e maxi-merda a cinque stelle ma lui niente, si congela e resta a disposizione del capo dello Stato. E’ pazzo? non credo.

E a proposito di Napolitano, parliamone: 88 anni e a 30 giorni dalla pensione e la situazione più scomoda nella quale si potesse trovare. Ma lui “ha fatto ‘a guera” e non si scompone, con una supercazzola istituzionale degna del più machiavellico degli amici miei, si inventa 10 saggi e prende tempo, 8/10 giorni. Sì ma per cosa?

Ecco, secondo me il tempo lo prende perché ha fiutato che Grillo&co. sono in difficoltà.
Vorrebbero, non vorrebbero ma se volete…era presto la prima volta ma più passa il tempo più si allarga il numero di parlamentari a cinque palle che si convincono che forse un tentativo con Bersani lo si poteva fare. O comunque per fare qualche cambiamento siginificativo mi sa proprio che bisogna metterlo su un governo e mi sa pure che il 25% e la buona volontà non bastano e poi mica abbiamo capito bene come funziona la baracca. Un tutoraggio di una legislatura ci sta no?

Governo che vorrebbe mettere su fortissimamente anche Berlusconi. Infatti, pur di ottenere al Colle un nome di “garanzia” per se stesso e i suoi numerosi parlamentari inguaiati con la giustizia (il Presidente della Repubblica è il capo del CSM, vi dice nulla?) farebbe larghe intese anche con Godzilla ed è, come sempre, disposto a gettare il paese nel panico gridando al golpe e facendo cadere qualunque esecutivo.
Peccato che stavolta non abbia i numeri e anche le prossime elezioni con il “giovane” Renzi alle costole non siano proprio una garanzia per lui.

E qui torniamo all’enfant prodige del PD che tutti lo vogliono, tutti lo cercano e nessuno se lo piglia. Tanto rumore per cosa? Bersani ha già detto che non si candiderà nuovamente a segretario e le conseguenze direi che sono ovvie.

Non sarà forse che tutto questo casino serve, anziché a dividere, a distrarre dalla strategia più sottile, a rafforzare la posizione di Renzi rispetto a Berlusconi sul voto (perfino al sua sondaggista gli ha detto che Renzi lo spianerebbe e i suoi lacché cercano di dissuaderlo sperando segretamente di liberarsene), a serrare i ranghi nel PD e, soprattutto, a rendere i 5 stelle più disponibili con lo spauracchio di andare a nuove elezioni (i sondaggi li danno già in calo) con il marchio d’infamia di quelli che “potevano fare qualcosa per cambiare ma non l’hanno fatto”?

Fantapolitica dite? Non so, se ci pensate lo scenario è plausibile e anche, forse, auspicabile:

  • tra 10 giorni i “saggi” indicano le riforme economico-istituzionali che hanno priorità (indicazione che può essere accolta ma non è mandatoriale),
  • si fa la prima prima prova tecnica di convivenza PD-5 stelle con la votazione del Presidente della Repubblica dove Bersani propone un nome che soddisfi una larga maggioranza (che significherebbe volendo PD+5stelle+Monti…no?),
  • se funziona Bersani torna alla carica con il nuovo Presidente della Repubblica chiedendo l’incarico per se’ (forte magari di qualche sostegno in più dai 5 stelle “dissidenti” recuperato grazie ai dieci giorni di tempo garantiti dal lavoro dei saggi) o per una personalità istituzionale gradita appunto anche ai grillini,
  • si forma un governo condizionato dalle priorità 5 stelle-PD che sta in carica circa un anno, fa perlomeno la legge elettorale e qualcuno dei punti condivisi (legge anti-corruzione, tagli ai costi della politica, ecc.),
  • si torna al voto con un 5stelle rafforzato dall’atto di responsabilità, un PD che cancella eventuali sbavature sacrificando Bersani e sostituendolo con la leadership di Renzi (capace di attrarre voti anche a destra) e un PDL che…boh, forse finalmente si libera dell’ingombro del padre padrone e magari prova a diventare una destra credibile (scendendo clamorosamente sotto il 20%)

Non so forse sono andata un po’ avanti con l’elucubrazione mentale ma d’altra parte siamo in un mondo in cui, nel 2013, la Corea del Nord minaccia di lanciare missili nucleari contro le basi USA e vi preoccupate delle mie riflessioni politiche?? :)

Corpo estraneo

Se febbraio è stato il mese delle sorprese, marzo si è rivelato il mese dei corpi estranei.

In Parlamento, dove una falange eterogenea, ma compatta nel disordine e nella cieca determinazione a rivoluzionare il rivoluzionabile, si incista su un corpo fiacco, impigrito da anni di battaglie salottiere dall’esito più o meno predeterminato.

Nel lavoro, dove sparuti gruppi di professionisti tentano, con esito deludente, di curare organismi affetti da avidità cronica e visione limitata con infiltrazione di cellule di buonsenso, equità e lungimiranza.

Nelle amicizie, dove tra un dolore, un rimpianto, un rancore e una risata si cerca di riattaccare un arto amputato brutalmente da una manovra spericolata; il fiato sospeso per il concreto rischio di rigetto.

Perfino dentro di me, approfittando di un terreno momentaneamente fertile, si è parcheggiato un miscuglio di nuove prospettive, diverse aspettative, imprevisti e probabilità che credo finiranno per trasformarsi in qualcosa di molto concreto.

Corpi e addizionali dei corpi, appendici, escrescenze, naturali o meno, comunque estraneità da integrare in qualche modo.
Un esercizio di tolleranza e di pazienza, l’ennesimo grande sforzo verso la consapevolezza che diverso, normale, vecchio, nuovo, sono soltanto alcune delle infinite sfumature della realtà.

Solo un giorno di marzo

Che poi alla fine ho solo nostalgia di quando ero piccola e mia madre mi portava alle manifestazioni dell’8 marzo e non capivo niente ma c’erano tante facce belle e si camminava tutti insieme.
Ed era tutto cupo, grigio, difficile, e c’erano le bombe e le sparatorie e io volevo sapere e capire ma come, cosa spiegare?
Eppure c’era l’orizzonte e la motivazione per marciare, per non marcire, per aprire un futuro più limpido ai figli e vedevo genitori accaniti in questo compito supremo.
E cucine chiuse, discorsi tesi, risparmi da fare, desideri e sogni individuali da accantonare.
E vedo oggi lo stesso film dei primi ’80 solo che i protagonisti siamo noi e i nostri genitori ci guardano preoccupati e tristi e arrabbiati perchè tutti quegli sforzi e sacrifici e lacrime e notti senza sonno non sono bastati.
E si chiedono se basteranno le nostre e di nuovo non dormono tranquilli.
Ma una volta c’era l’8 marzo, un’ipotesi di luce e si camminava tutte insieme e io ho un bellissimo ricordo tutto giallo.

Il più pulito c’ha la rogna.

Apprezzabile il gesto di Giannino ma a 4 giorni dalle elezioni è un suicidio politico che non rende giustizia al lavoro fatto dallo staff e mortifica chi aveva creduto in un progetto.
La politica in Italia (e non solo) è uno sport che assomiglia più al rugby che al badminton: se non sei pronto a giocare sotto la pioggia e nel fango, forse hai sbagliato mestiere.

E lo dico anche a tutti quelli che voteranno un inesperto purché onesto sperando che risolva tutti i problemi del mondo trasformando il Parlamento in un’isola felice.
La cattiva politica si batte solo con la buona politica, ma sempre di politica parliamo: mediazione, composizione dei contrasti, compromesso, rappresentanza dei propri interessi ma anche di quelli delle minoranze, di chi non ci ha votato e di chi non la pensa come noi.
Se pensate che sia semplice, in bocca al lupo per tutto.

Aggiungo, per attirarmi definitivamente le ire dei più sensibili: in questo Berlusconi è sempre stato vincente. Sacrifica e impegna tutto (immagine, soldi, famiglia, aziende, collaboratori, ecc.) per fare gli interessi suoi e dei suoi sostenitori.
Giudico i suoi interessi orribili, sbagliati e lontani dai miei ma c’è qualcuno che fa la stessa cosa con tanta forza e costanza per interessi migliori?
Dovrei rispondermi “certo, quello per cui voterai” ma so da me che non è proprio così.

Mi accontenterò l’ultima volta giusto perché sono una persona coerente che crede nel valore dei percorsi e nella chiusura delle esperienze.

Il più pulito c’ha la rogna,
ma il più rognoso c’ha ragione.
(proverbio aggiornato per l’occasione)

Pope sharing: un atto d’amore e responsabilità

Habemus-Papam-anzi-no.-La-profezia-di-Nanni-Moretti_h_partbIn verità vi dico: sono solo battezzata perché ho dei genitori credenti e profondamente democratici che non mi hanno forzato a fare la Comunione in tenera età.
Il resto l’ho fatto da sola: essendo stata bambina precocemente contrariata, non ho voluto affiliarmi a niente di così “definitivo”.

Perfino i pochi anni passati negli scout sono stati caratterizzati da una forma di ribellione all’interno del movimento, mediata grazie ad un capo intelligente: partecipavo fisicamente alla messa per rispetto al gruppo, ma me ne stavo in silenzio per conto mio.
Non ho deciso di recuperare i sacramenti perduti nemmeno quando mi è stato chiesto di fare da madrina alla nipote acquisita e a quella carnale. Sono fattà così, la coerenza è il mio miglior pregio e, probabilmente, il mio peggior difetto.
Non credo in Dio e dubito che cambierò idea (anche se non dimentico mai l’affaire Giovanni Lindo Ferretti: se s’è convertito lui, può succedere a chiunque!).
Il mio teologo di riferimento è Padre Pizzarro.

Il mio sguardo da laica per lo più pastafariana dunque, si posa sulla vicenda delle dimissioni di Benedetto XVI in modo totalmente estraneo alla questione religiosa pura.

Un gesto che, oltre tutte le teorie e le definizioni, ha senza dubbio ha una portata storica.
E allora mi sono domandata: perchè non approfittare di questo grande cambiamento per progettarne uno ancora più grande? Qualcosa di veramente rivoluzionario che porterebbe definitivamente questa istituzione nel terzo millennio?

Nasce così l’idea del Pope sharing: una Chiesa contemporanea, vicina alle realtà delle comunità cattoliche di tutto il mondo.
Perché rimanere sempre nella stessa sede, facendo solo di quando in quando un viaggio pastorale? Non sarebbe più utile e significativo spostarsi, magari privilegiando per primi i luoghi in cui il fervore religioso rappresenta ancora una priorità?
Un gesto di amore per tutti quei fedeli che magari nella loro vita non potranno mai permettersi un viaggio fino a Roma per vedere il Papa.
Un atto di responsabilità verso tante nazioni, anche molto povere, martoriate da conflitti, dove la presenza del Santo Padre potrebbe aiutare a rendere la situazione meno tesa o, perlomeno, obbligherebbe il consesso internazionale ad occuparsi seriamente della questione.

Immaginate quanto lavoro si potrebbe fare in Cina, in America e anche nelle altre nazioni europee a forte impronta cattolica come la Spagna e la Polonia.
Immaginate cosa signficherebbe per paesi come l’Angola, il Ruanda, le Filippine o il Messico ospitare per un anno o due la residenza della maggiore autorità religiosa.
Immaginate la potenza del messaggio, il cambiamento epocale, i vantaggi:
investimenti, turismo, lavoro, infrastrutture

Andare ad incontrare tutti i preti di frontiera e dare loro conforto da vicino, potersi confrontare direttamente con le famiglie dei bambini e dei ragazzi abusati, poter vedere con i propri occhi la grandezza e la miseria del proprio potere e porre rimedio ove necessario…
Un grande fermento, una nuova evangelizzazione, un nuovo orizzonte da esplorare.

Certo direte voi, l’Italia perderebbe per lungo tempo uno dei suoi elementi caratteristici, Roma uno dei punti di riferimento per turisti  e credenti (anche se, vale la pena sottolinearlo, la Cappella Sistina mica si sposta…), ma ci siamo già passati nel XIV secolo con lo spostamento del papato ad Avignone e siamo sopravvissuti.

E poi noi romani siamo generosi, “de core”, e siamo coraggiosi e sapremo certamente portare questa croce per il bene di tutti i cattolici del mondo.

Troveremo di che confortarci con il teatro, il cinema, l’arte, la musica e il buon cibo;
guarderemo sempre con ammirazione al Cupolone che al tramonto disegna in modo inconfondibile lo skyline capitolino;
sospireremo ricordando i bei tempi del Giubileo, le udienze del mercoledì con i festanti torpedoni dei pellegrini, la Via Crucis al Colosseo, la Messa di Natale e l’Angelus della domenica e, sorridendo, ce ne faremo una ragione perchè sapremo che anche altri possono godere di tutto questo.

Già al solo pensiero mi sento pervadere dall’entusiasmo e dalla gioia della condivisione!
Se anche tu ci credi, diffondi il messaggio…share the Pope!